Cos’è la Sindrome di Tourette

  • La Sindrome di Tourette (ST) è un disturbo del neuro-sviluppo che diventa evidente nella prima infanzia o nell’adolescenza e che permane, non frequentemente, nell’età adulta.
  • È caratterizzata da tic motori o sonori, improvvisi, rapidi, aritmici, ricorrenti, involontari che si evidenziano, anche in maniera non continuativa, per una durata superiore ai 12 mesi.
  • La ST non è rara.
  • Stime attuali indicano che da 0,3 a 1 bambino su 100 è affetto da ST.
  • La ST non mette in pericolo la vita del bambino/ragazzo.
  • Si evidenzia inizialmente nei bambini di età scolare – il primo episodio di tic motori o sonori viene registrato a circa 4-6 anni con un peggioramento generalmente all’età di 10-12 e, nella maggior parte dei casi grazie alla capacità del tourettiano di controllarli, si riducono intorno ai 21 anni di età.
  • Colpisce i maschi con un’incidenza circa tre volte maggiore rispetto alle femmine.

Può essere di 3 tipi:

  • Pura–presenza di soli tic
  • Complessa – presenza di tic motori e sonori complessi (es. ripetizione di parole udite, pronuncia di frasi poco contestualizzate o espressioni oscene)
  • Plus–tic dalla forma complessa con disturbi psicopatologici

Spesso viene sotto-diagnosticata o diagnosticata dopo mediamente 7 anni dai primi sintomi.

Comorbidità

I tic motori e sonori sono solo la punta di un iceberg alla base del quale troviamo diversi disturbi psicopatologici. Diverse evidenze cliniche riportano che l’80% dei tourettiani soffrono di tali disturbi.

La più comune comorbidità è il disturbo da inattenzione ed iperattività (DDAI o ADHD) caratterizzato da:

  • ridotta capacità di concentrazione
  • tendenza ad agire prima di aver riflettuto
  • eccessiva attività motoria e della parola improvvisa e inappropriata.

La seconda comorbidità più frequente è rappresentata dal disturbo ossessivo compulsivo (DOC o OCD) caratterizzato da:

  • pensieri ossessivi, impulsivi assillanti, angoscianti che causano ansia e disagio
  • compulsioni – comportamenti ripetitivi (es. continua necessità di lavarsi le mani, riordinare gli oggetti sempre nella stessa posizione, accendere e spegnare le luci un certo numero di volte prima di entrare o uscire da una stanza).

Come il disturbo ossessivo compulsivo anche l’attacco di rabbia è considerata una comorbidità frequente; questa è caratterizzata da:

  • esplosione improvvisa, violenta, immotivata e sproporzionata che si verifica a fronte di un accadimento minimo; esempi:
  1. aggressività verso i genitori
  2. comportamenti distruttivi: colpire il muro, rompere o lanciare oggetti, prendere a calci oggetti o persone
  • mortificazione del tourettiano dopo l’evento di rabbia. Spesso sono associati alla Sindrome di Tourette anche i cosiddetti disturbi specifici dell’apprendimento (DSA), contraddistinti da una diversa gravità ma non legati all’intelligenza del soggetto; questi sono caratterizzati da:
  • dislessia: disturbo nella capacità di leggere in maniera adeguata
  • disortografia: disturbo nella capacità di scrivere in maniera adeguata l’ortografia
  • disgrafia: disturbo nella capacità di scrivere in maniera leggibile
  • discalculia: disturbo nelle abilità numeriche e matematiche
  • difficoltà di imparare informazioni in sequenza.

Molto spesso sono proprio queste comorbidità a disturbare di più il soggetto tourettiano, che potrebbe convivere piuttosto bene con i suoi tic ma non riuscire ad avere una vita serena a causa proprio delle comorbidità.

Il Medico Specialista potrebbe raccomandare di trattare prima una delle comorbidità, se più fastidiosa o problematica dei tic stessi.

La sindrome di Tourette

Come donare il 5xMille per TouretteItalia

Nella tua dichiarazione dei redditi cerca il riquadro “Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale…“, inserisci il codice fiscale 91147470156 di Tourette Italia e metti la tua firma.

    Allegati

    olomedia_template.php